Di pance di gatto infuocate e di luce che basta al primo passo

È noto ai più che la mia famiglia è composta anche da due gatti, Pipi, che il 9 aprile compirà 16 anni e la Miranda, che il 4 maggio invece ne farà 6. Ricorre oggi il tredicesimo anniversario della morte di papa Giovanni Paolo II e fra poco capirete che cosa ha a che fare con noi, in particolare con Pipi. Quella sera eravamo tutti purtroppo in attesa della notizia, il papa stava molto male da giorni e quando alla tv venne annunciata la sua partenza estrema, di lì a pochi minuti sul mio telefonino arrivò anche un arcaico sms con la bella proposta di accendere una candela da mettere sul davanzale per accompagnare di luce la salita leggera dell’anima di GP2. Con le lacrime agli occhi, era stato il papa di quasi tutta la mia vita, presi un lumino, lo accesi e lo appoggiai delicatamente sul davanzale dell’enorme finestrone che avevamo allora in sala. In quel momento dal cortile Pipi correva per tornare a casa, correva forte anche se nessuno lo stava chiamando e non era neppure ora di cena e io dentro di me dicevo “No, non sta per accadere davvero, è impossibile! Con un davanzale così ampio non può saltare proprio qui…….!!!!!” e invece sì, Pipi è balzato esattamente sulla fiamma del lumino e la pelliccia della sua pancia ha preso fuoco e per fortuna si è anche spenta mentre atterrava in casa! Per diverso tempo ho avuto nel naso l’odore di penne di gallina bruciata e da allora Pipi si è scoperto molto devoto di papa Giovanni Paolo II che l’ha salvato dal rogo.

Che belli, i ricordi surreali! Oggi in montagna ho preso un po’ di sole e di colore, e ho riflettuto sul fatto che, se vogliamo risorgere ogni giorno, dobbiamo anche avere la forza di rotolare via pietre più o meno piccole dai nostri sepolcri bui e puzzolenti. E dentro di noi abbiamo sempre qualche angolo buio che necessita di coraggio, luce, vita. Anche semplicemente di quella luce che basta per compiere il primo passo. Nel frattempo mi ricordo che mi pre-occupo troppo degli altri e poco di me stessa. Tenerlo a mente aiuta.

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. Marco ha detto:

    Secondo me Pipi, nella sua precedente vita era un leone che saltava cerchi infuocati in un circo, e Woytila, il suo addestratore… 😀 😀 😀

    Piace a 1 persona

    1. Cristina ha detto:

      Anche questa sembra una scena di Almodovar!!! Sicuramente è così 😄

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...