La mia doppia vita

Ebbene sì, devo confessarlo, ho una doppia vita, da 20 anni esatti. Dal 9/9/1999, da quando mia madre si è ammalata di tumore. Poi si è ammalato anche mio padre, sempre di tumore. E Massi, non di tumore, per fortuna, ma di chron, che comunque rompe assai i coglioni e genera tutta una serie di…

Hᥲρρყ bιrthdᥲყ Bᥱᥒᥒყ

Io vorrei che cresci rara come una giraffa in città ma con l’istinto domestico del cagnolino. Vorrei vorrei vorrei. Che ti piacerà ballare. Che nei momenti di disperazione non ti viene in mente di invidiare la felicità degli altri, le fortune, i successi degli altri, le certezze, i risultati, le luci nelle case degli altri:…

I bambini poco amati…

Il rubinetto del lavandino non perde più, la cappa è a posto e non posso nemmeno più perculare la mia vicina anziana che credeva che le fosse saltato l’impianto elettrico e invece era semplicemente la leva di un contatore di cui lei non conosceva l’esistenza, visto che la mia cappa non ha funzionato per due…

L’amore e il sapersi salvare da sola

Negli ultimi mesi mi sono convinta di una cosa, ossia che l’amore è estremamente sopravvalutato. Siamo abituate a intendere l’amore come qualcosa che ci salva, che ci completa, che ci risolve ma se intendiamo così la faccenda non facciamo altro che renderci impossibile la vita perché non esiste nessuno che può salvarci, eccetto noi stesse….

Di feste e ricordi…

Se c’è una cosa che adoro è organizzare sorprese e fare festa, mi piace fin da quando ero piccola, credo che questa cosa me l’abbia trasmessa mia madre, l’ha fatto per tanti anni prima di stancarsi perché riceveva poco e niente in cambio e lei invece ci teneva molto a questa cosa dell’essere corrisposta. Io…

La tua prima torta di mele

Mentre cucini la tua prima torta di mele puoi esercitarti nei piccoli gesti, quelli che di solito non fai, come sbucciare le mele, setacciare farina e lievito, perdere il senso del tempo senza preoccupartene, annusare beatamente il profumo della cannella, riflettere sul fatto che è sempre bello fare con le proprie mani qualcosa per chi…

Bilanci di una randagia

In questo anno il tempo sta passando così velocemente che da qualche settimana senza volere e senza metterlo in conto mi sta venendo già qualche bilancio, qualcuno di quei pensieri che fai di solito alla fine dell’anno, che poi non manca mica tanto. In questo 2019 mi sono immersa come non mai nella bellezza, l’ho…

Gino lo chef

Vi ho detto no del signore che ieri sera mangiava pop corn e beveva cappuccino insieme alla signora marocchina che gestisce il bar dell’Ostello in cui abbiamo dormito a Milano? Ebbene, si chiama Gino, ha 95 anni e faceva lo chef in uno di quei post fighi che chiamano trattorie ma che trattorie non sono,…

Del vivere a Milano e del concerto di Sting

Io a Milano ci vivrei! Sì. Mi piace da sempre, c’è ritmo, frenesia, ma nessuno ti prende mai contro e se succede si scusano. Quando devi uscire dalla metro non ti sbattono contro, aspettano il loro turno. Se hai bisogno di un’informazione tutti te la danno, sorridenti. Per entrare al concerto di Sting abbiamo fatto…

Il pavone, l’odore di legna e il mio pino

Quando sono nata i miei genitori avevano una piccola casa in montagna e nel giardino proprio davanti al portico in cui ho iniziato a muovere i primi passi hanno piantato un pino, perché piantare un albero quando nasce un bambino è una delle cose più belle che si possono fare, anche perché poi quel bambino…

I “come stai” mancati

Per guardare il mondo attorno a noi quasi sempre usiamo il nostro personale sguardo, che è nostro e di nessun altro, ci mancherebbe. È solo che così finiamo per aspettarci cose che sono scontate solo per noi e per pochi altri e noi invece ce le aspettiamo, ne abbiamo bisogno, rimaniamo feriti se non arrivano….

Insonnia…

Non riesco a dormire, mi accade quando ho giornate piene pienissime e ci metto un po’ ad uscire dal frullatore. Da domenica è arrivata a casa nostra la Pepi, una micia randagia che viveva sotto ad un portico in centro a Fiorano. È tanto affettuosa e ha una macchia di pelo nero a forma di…

Si sta come d’autunno sugli alberi le foglie…

Questa foto l’ho scattata a Biscottino qualche sera fa e molti di voi l’hanno già vista sui miei social. Stasera però null’altro può rendere altrettanto bene come mi sento, così la metto anche qui. La didascalia era si sta come d’autunno sugli alberi le foglie, ma tira un vento forte e stasera mi sento così….

Di un lunedì qualunque

Non tutti i lunedì vanno a finire bene per il semplice fatto di essere lunedì, ma del mio oggi non posso proprio lamentarmi, anzi. È uno dei lunedì più produttivi della mia vita, devo essermi svegliata iperattiva, superate le prime enormi difficoltà dopo aver aperto gli occhi. E ho fatto di tutto. Lavorato, ovviamente, poi…

Coming out day, essere ciascuno se stess*, senza doversi scusare

Questa giornata deve ricordarci che la strada da percorrere per garantire la libertà di essere se stessi è ancora lunga. Dobbiamo impegnarci perché le nostre comunità sappiano accogliere ogni persona nel suo valore unico e irripetibile, garantendo pieni diritti civili a tutti e a ciascuno, dice una ministra oggi. Speriamo che calendarizzino presto in parlamento anche qualcuna…

Le parole perdute

Ieri ho scoperto un’iniziativa deliziosa e ovviamente mi sono offerta subito per partecipare. Figurati se non adottavo e non condividevo una parola perduta, io! Io che adoro le parole, tutte, quelle dolci, le parolacce, le parole che ti scarnificano, quelle che ti rimettono al mondo, quelle obsolete che nessuno usa più, le parole randagie e…

Scappa sempre da dove non stai bene

Quando una situazione, una persona, un luogo ti inquietano, ti tolgono il sonno, ti generano insicurezze e timori vola via. In fretta. Non aver paura di non aver capito, di sbagliare, di ciò che possono dire gli altri, tu vola via. Con un sorriso. È il rispetto e la cura che devi a te stessa…

Esercizi di scrittura

Dove ho abitato per i primi 3 anni della mia vita c’era il classico pavimento degli anni 50, la carta da parati chiara coi fiorellini beige sui muri, le tende leggere e un balconcino che dava sui campi, una casa colonica che ora è una polisportiva e il vecchio carcere di Modena, ma io non…

“La mia allieva”

Sono rintronatissima perché siamo andati a letto molto tardi e anche perché ho bevuto diversi bicchieri di vermentino e falanghina, che buoni! Una cena molto interessante con le persone che avevano partecipato alla presentazione di Così allegre senza nessun motivo, della Rossana Campo a Bologna, in cui si è detto che quando scendi giù, molto…

Il mio autunno 🍂🍁

L’equinozio autunnale sarà domani, ma nel bosco in cui riposa Pipi è già autunno, pioveva e l’aria era frizzante. Gli abbiamo portato la sua stella, quella che gli ha intrecciato la Vivi, Mademoiselle des reves, l’ho sistemata per bene su un ramo nascosto in modo che nessuno possa rovinarla o rubarla, ma è rivolta verso…